Seleziona una pagina

Si chiama This Is Namaste, allo stesso tempo espressione del saluto in India e acronimo del suo vero nome Natasha Marie Stewart, scozzese. E fa il suo esordio nel panorama musicale internazionale con Something, un brano che evoca ritmo e atmosfere suggestive fin dalle prime note. This Is Namaste si fa subito apprezzare per la sua melodia accattivante con un sound tipicamente electro pop di grande effetto. Con cinque singoli già prodotti fino a oggi, la carriera di This Is Namaste si sta già preparando per entrare a pieno titolo tra le celebrità della musica pop. “Questa canzone parla di quelle relazioni in cui qualcuno è entrato nella nostra vita come la perfetta distrazione dagli altri nostri problemi, per quanto in profondità sapevamo che non era giusto per noi. Mi piace pensare che ogni relazione che abbiamo, romantica o meno, ci occorra come esperienza nella nostra vita, anche quelle che non funzionano o non finiscono come volevamo”. Cresciuta a Lanark, una piccola città tra Glasgow ed Edimburgo, Natasha è stata affascinata dalla musica fin dalla tenera età ispirandosi a grandi cantautori come Whitney Houston e Mariah Carey. Pur non provenendo da una famiglia di musicisti, Natasha ha scelto la sua strada e si è trasferita a Londra per studiare presso l’Institute of Contemporary Music Performance. Presto Natasha ha cominciato a partecipare a concerti in tour come cantante di supporto per artisti del calibro di Rita Ora, Ella Eyre, Bebe Rexha e Martin Garrix, esibendosi su alcuni dei più grandi palcoscenici del mondo e intanto sta continuando sempre più a sviluppare la sua vena artistica di cantautrice.